Testo A Cristo – Antonello Venditti

Di | 11 agosto 2013

Album: Quando Verrà  Natale (1974)
Testo della canzone A Cristo di Antonello Venditti
M’hanno detto che Cristo è stato a Roma
e janno detto pure ma ‘ndo’vai – quo vadis?
ariccojete tutto, stracci e idee
ma a Roma no, nun ce tornà 
Voj annà  forse finì morì ammazzato
da st’ bboni centurioni che tu sai
che te pregheno e te fregano tutti i giorni
in nome della loro autorità 
Aridatte quatto quatto in Galilea
quella sì che è na terra produttiva
aripjate armeno la terra che era tua
dall’occhio vergognoso di un Mosè -Moshe Dayan-
Questo ho saputo per vie non troppo chiare
da un augusto imperatore che sta al bar – un ubriacone
Mo me devi spiegà  o mio Signore,
perché adesso tu non stai né qui né là :
Fijo mio io faccio il mio lavoro,
turo li buchi ‘ndove li posso turà 
adesso so’ impegnato su in Irlanda
e m’hanno pure incastrato nel Vietnam
sti signori che so’ quaqueri rifatti – gli americani
hanno inventato angeli più forti – i phantom X-
che quelli costruiti qui alla bona
non cianno manco er tempo pe’ volà .
Cianno pure messo de mezzo mi cugino
che se chiama sempre Belzebù
e che te devo dì, io nun me movo,
io cerco er fresco io me ne sto qui
Ammazzete Gesù Crì quanto so’ fichi
ma chissà  che me credevo che stavi a fa
volevo ‘n po’ vedè io so’ ignorante
per mondo che hai creato, che stavi a combinà .
Ma la cosa che ce frega a tutte e ddue
è che noi annamo tutti li giorni a lavorà 
e che guarda un po’, ma guarda sto destino
ce tocca stacce zitti zitti bboni e sopportà .
E nun ce facciamo l’affari nostri.
Nun ce li facciamo pe’ carità ;
nun te fa’ l’affari tua finché la pace non verrà .

Tutte le canzoni di Antonello Venditti

Link Sponsorizzati