Testo La facciata – Renato Zero

Di | 3 dicembre 2011

Album: Via Tagliamento 19651970
Testo della canzone La facciata di Renato Zero
è scrostata un po’
Da stagioni e venti
Ammaccata per i sentimenti
Gli eventi
Un amico va,
Qualcun altro torna
Chi credevi onesto è una carogna!
Questa facciata
Nasconde una vita,
Ma più di tanto,
Ingannarti non può
Puoi fare il punto
Di quello che è stato,
Il sole ha già  bruciato e
La pioggia che è passata su di te
Signore si, davvero un signore,
E più è potente, più infido è.
Quanti segreti
Fra quattro pareti.
Signore, io non ci giurerei!
L’esterno tiene, si,
Basterà  un sorriso
E una mano di colore
Più acceso
Sul viso!
Ma non sai
Le coordinate della vita mia,
Per ogni storia andata in gloria e via,
Perché ogni ruga
Ha un nome
Ch’io soltanto so
E a stento nascondo
Che ne sai
Se quel che appare è quel che credi tu
O non piuttosto un bel sipario blu.
Con dietro un uomo che non ha smaltito
Le vecchie ferite
Le antiche offese Ma Si!
Le sento qui!
E la facciate
Che vuole la gente,
Quella che il mondo
Pretende da te
Ma basta un niente,
E l’intonaco cede
E dietro la facciata, che c’è ?!
Non lo sai,
Treni perduti o non partiti mai,
Fantasmi di un’infanzia che vorrei
Dimenticare ad ogni costo ma poi
Il tempo non basta
Non lo sai
Che mai c’è dietro e chi nasconderai!
Vecchie passioni
Stanche ipocrisie
Coscienze logore
Nel fingersi così
Così immacolate
Tutte le canzoni di Renato Zero

Link Sponsorizzati