Testo Lo Strano Percorso – 883

By | 17 agosto 2012

Album: Il Mondo Insieme A Te (2004)
Testo della canzone Lo Strano Percorso degli 883
(M.Pezzali)

C’è un tempo per i baci sperati, desiderati
tra i banchi della prima B
occhiali grandi, sempre gli stessi, un po’ troppo spessi
per piacere ad una così
nell’ora di lettere
guardandola riflettere
sulle domande tranello della prof
non cascarci, amore, no!
C’è un tempo per i primi sospiri tesi insicuri,
finchè l’imbarazzo va via,
col sincronismo dei movimenti, coi gesti lenti
conosciuti solo in teoria,
come nelle favole,
fin sopra alle nuvole,
convinti che quell’istante durerà 
da lì all’eternità …
Lo strano percorso
di ognuno di noi
che neanche un grande libro un grande film
potrebbero descrivere mai
per quanto è complicato
e imprevedibile
per quanto in un secondo tutto può cambiare
niente resta com’è.
C’è un tempo per il silenzio/assenso, solido e denso,
di chi argomenti ormai non ne ha più
frasi già  dette, già  riascoltate in 1000 puntate
di una soap-opera alla TV
sarà  l’abitudine
sarà  che sembra inutile
cercare tanto e alla fine è tutto qui
per tutti è tutto qui…
Lo strano percorso
di ognuno di noi
che neanche un grande libro un grande film
potrebbero descrivere mai
per quanto è complicato
e imprevedibile
per quanto in un secondo tutto può cambiare
niente resta com’è.
C’è un tempo per qualcosa sul viso, come un sorriso
che non c’era ieri e oggi c’è
sembrava ormai lontano e distante, perso per sempre,
invece è ritornato con te,
con te che fai battere
il cuore che fai vivere
il tempo per tutto il tempo che verrà 
nel tempo che verrà …
Lo strano percorso
di ognuno di noi
che neanche un grande libro un grande film
potrebbero descrivere mai
per quanto è complicato
e imprevedibile
per quanto in un secondo tutto può cambiare
niente resta com’è

Tutte le canzoni degli 883