Testo Ti Sorrido Mentre Affogo – Caparezza

Di | 31 gennaio 2013

Album: Il Sogno Eretico (2011)
Testo della canzone Ti Sorrido Mentre Affogo di Caparezza
Leggere Shakespeare, questo è il vero problema.
A fine stagione elettorale sconti della pena.
Il Lambro che cos’è? Un fiume in pena.
Odio le girandole perchà© mi tolgono il respiro.
Ai sistemi operativi io preferisco la biro.
Se la sala è piena il film fa schifo.
Ostentare la modestia è una cosa da superbi.
Anche gli incorruttibili si fanno influenzare dai germi. Chi veste a caso non è sempre di facili costumi.
Il pregiudizio ti sballa più degli acidi che assumi.
Le persone provinciali sono tutte un po’ comuni, sono tutte un po’ comuni, sono tutte un po’ comuni.
Non mi interessa essere capito mi interessa essere. Capito? Essere! Capito?
Alle votazioni gli indecisi sono decisivi.
I colletti bianchi stavano in banchi di collettivi.
Vedi Satana dappertutto, sei sei sei pazzo.
Il mio ultimo piano sarà  salire sul terrazzo.
Chi guadagna da vivere non guadagna da morire.
Sono un rapper al tramonto quando arriva l’imbrunire. Puoi fare accordi con tutti ma non farli con il sire, non farli con il sire, non farli con il sire.
Non ho voglia di andare d’accordo, ho voglia di andare. D’accordo?
Di andare. D’accordo?
Fare dischi di denuncia o fare dischi da denuncia?
La parola spesso è più importante di chi la pronuncia.
Quando la mia voce ti molesta eiaculo e godo.
Io sarei un ragazzo a modo se solo ci fosse un modo e per non terrorizzarti ti sorrido mentre affogo, ti sorrido mentre affogo, ti sorrido mentre affogo..

Tutte le canzoni di Caparezza