Vittorio Sisto con Sono solo quel che vedi

By | 7 maggio 2012

Vittorio Sisto, dopo l’esperienza, da poco conclusasi, di “Ti lascio una canzone”, programma del sabato sera di RaiUno condotto da Antonella Clerici, presenta il suo primo EP, “L’inizio”.

Vittorio Sisto - L'inizio

Vittorio Sisto - L'inizio

Prodotto dalla Acid Classic di Pascal Basile, etichetta indipendente di Bologna, il disco del giovanissimo e talentuoso cantante contiene l’inedito “Sono solo quel che vedi”, presentato a “Sanremo Social” e con il quale è rientrato tra i trenta artisti più votati dal web, e quattro cover di indiscusso valore artistico: “Aquila” di Lucio Dalla, “Avrai” di Claudio Baglioni, “L’istrione” di Charles Aznavour e “La storia” di Francesco De Gregori.
“Sono solo quel che vedi” è una promessa accorata che il protagonista fa ai suoi genitori di restare la persona che è, qualunque cosa dovesse accadere. Ma è anche una promessa d’amore incondizionato e indeterminato.

La scelta dei brani èstata dettata soprattutto dalla inusuale maturità interpretativa e dalla spiccata capacità del giovane artista di personalizzare i brani che canta. Ognuna di queste canzoni possiede, tra l’altro, il legame con la parola “inizio”.
“Aquila”, ad esempio, parla di una nascita e lo fa in un modo sublime, come soltanto Dalla riesce a fare. Racconta di un “arrivo” incerto per la paura di abbandonare un ambiente dove si “vola”. Le paure e le perplessitàsono, in fondo, le stesse che vive Vittorio oggi, all’inizio della sua nuova avventura. “Avrai”, invece, èparticolarmente significativa per l’inizio di Vittorio perchéèstato il primo brano che ha registrato e per il quale èstato scelto alle audizioni di “Ti lascio una canzone”. “L’istrione” èun tributo. Èl’inchino a un artista al quale tutti coloro che iniziano ad affacciarsi alla musica dovrebbero ispirarsi per capire l’arte che deve sempre sottendere al mestiere del cantante.
L’altra cover, “La storia” di De Gregori, è una vera e propria scommessa perché potrebbe essere ritenuta poco adatta a un quattordicenne. Però, in fondo, “la storia siamo noi”, la storia siamo tutti. E allora una decisione coraggiosa assume valenza proprio perché quelle parole, giàcariche di spessore, pronunciate dall’autenticità della sua giovane età, assumono una forza travolgente.
Vittorio Sisto, durante la scorsa edizione di “Ti lascio una canzone”, ha duettato con alcuni tra i piùgrandi artisti del panorama musicale italiano e internazionale, tra cui Massimo Ranieri, Gianluca Grignani, gli Stadio e ha avuto la possibilità di riproporre con Anastacia, “I belong to you”, il brano che la cantante americana ha portato al successo con Eros Ramazzotti.

Link Sponsorizzati