Testo Ali In Gabbia, Occhi Selvaggi – Esmeralda, Quasimodo

By |

Tutte le canzoni di Notre Dame de Paris

Testo della canzone Ali In Gabbia, Occhi Selvaggi – Esmeralda, Quasimodo

Esmeralda
Ali in gabbia, occhi selvaggi
Non potranno più volare
E l’infanzia dagli oltraggi
Tornerà mai ad amare?

Cosa ho fatto io di male?
Io ballavo per le strade
E cantavo per la gente
Quelle melodie gitane

Dove sei mio campanaro?
Mio Quasimodo, ti chiamo
Vieni qui a tirarmi fuori
Fammi uscire o morirò

Quasimodo
Ma dove sei, Esmeralda?
Dove ti nasconderai?
In che vita sei caduta?
Brutto sogno è la realtà

Forse tu te ne sei andata
Col tuo amato capitano
Senza un vero matrimonio
Come in un rito pagano

Non mi dire che tu muori
Senza pianti e senza fiori
Non permettere che un prete
Metta in croce in te l’amore

Esmeralda
Pensa a un giorno che era festa

Quasimodo
La tortura della ruota

Esmeralda
Io t’ho dato un sorso d’acqua

Quasimodo
In quel sorso io ti bacia

Esmeralda, Quasimodo
E qualcosa ci ha legato
Per la vita e per la morte
Qualche cosa di segreto
Tanto forte tra di noi

Ali in gabbia, occhi selvaggi
Non potranno più volare
E l’infanzia dagli oltraggi

Tornerà mai ad amare?