Testo BellEmilia – Gianni Morandi

By |

Testo della canzone BellEmilia di Gianni Morandi
Album: Bisogna Vivere (2013)
BellEmilia è la mia terra
la mia terra tormentata
di campagne desolate
prese a prestito e lasciate

BellEmilia di buon vino
con un fazzoletto rosso
vecchie sedi di partito
e il santino sul cruscotto

BellEmilia di canzoni
di motori e di balere
Amarcord* e va pensiero
e uno sguardo verso il cielo

Rit.
BellEmilia ch’la sira ch’samet cumbinè? L’è sta un quarantot
La s’è cascà¡ e mond adà³s
Al to braza stavolta al son stritulè
Na’meder c’la piccia el su fangin

BellEmilia ch’la sira t’è propri sbagliè
perché tanta rabia? Perché, cus es’ghè?
Guerda sin faza la pora in ti uc
Stanot’accarezza in un stervig

BellEmilia a braccia aperte
bella donna di riviera
e l’inverno nella nebbia
che si taglia col coltello

BellEmilia che una notte
ci hai spaccato di paura
quanta rabbia e quante botte
poi lo sguardo verso il cielo

Rit.
BellEmilia ch’la sira ch’samet cumbinè? L’è sta un quarantot
La s’è cascà¡ e mond adà³s
Al to braza stavolta al son stritulè
Na’meder c’la piccia el su fangin

BellEmilia ch’la sira t’è propri sbagliè
perché tanta rabia? Perché, cus es’ghè?
Guerda sin faza la pora in ti uc
Stanot’accarezza in un stervig (X2)

BellEmilia è un valzer lento
Con la mano sul sedere
Da domani si riparte
Questa è gente
Sempre forte

Tutte le canzoni di Gianni Morandi