Testo Comici Spaventati Guerrieri – Roberto Vecchioni

Di | 12 Gennaio 2010

Album: Di Rabbia E Di Stelle (2007)
Testo della canzone Comici Spaventati Guerrieri di Roberto Vecchioni
Hanno treni fermi e una stazione
persa tra il cielo e il mare
hanno la prima metà  di una canzone
l’altra metà  da ritrovare

Hanno le vostre fandonie nelle orecchie
conoscono le vostre facce di culo
madri piene di tranquillanti
padri che vanno sul sicuro

I ragazzi nascondono lacrime sospese
come gatte gelose dei figli
hanno un bagaglio di speranze deluse
come onde che s’infrangono sugli scogli

Hanno un mondo che avete storpiato ingannato tradito massacrato
hanno un piccolo fiore dentro
che c’è da chiedersi com’è nato

e cercano di amare
domani come ieri
questi miei piccoli comici spaventati guerrieri
e cercano di amare come uomini veri
questi miei piccoli comici
spaventati guerrieri

non azzardatevi a toccarli mai
non azzardatevi a giudicarli
tirate via le vostre sporche mani
non confondetevi coi loro sogni

continuate a costruire un mondo perfetto
dove potete specchiarvi
i poeti non saranno anche nessuno
ma hanno il potere di sputtanarvi

e vorrebbero amare
domani come ieri
questi miei piccoli comici spaventati guerrieri
e vorrebbero amare
come uomini veri
questi miei piccoli comici spaventati guerrieri

e vorrebbero amare
volare sui loro pensieri
questi miei piccoli comici
questi miei piccoli comici
questi miei piccoli comici
spaventati guerrieri
Tutte le canzoni di Roberto Vecchioni

nessun video