Testo Il Signor G Dalla Parte Di Chi – Giorgio Gaber

By |

Testo della canzone Il Signor G Dalla Parte Di Chi di Giorgio Gaber
Album: Il Signor G (1970)
Mi creda io sono un padre moderno,
conosco i ragazzi e i loro problemi.
Signora Marchesa, latte o limone?
Son quasi le cinque, è l’ora del tè.

È un buon elemento farà  molta strada
e poi ci sa fare, ha il senso del dovere.
Dovevi giocare il sette di fiori,
poi andare dal morto e fare l’impasse.

Miei cari signori, dal nostro bilancio
risulta opportuno ridurre le spese.
È molto importante: si serve col ghiaccio,
due parti di vodka e una di gin.

È un’ottima barca, mi sembra un affare,
accetti un consiglio: ci pensi avvocato.
Pensavo a mio figlio, ho fatto di tutto
ma lui se n’è andato, ma lui se n’è andato.

Rivoluzione, rivoluzione
la voglia di andare la voglia di reagire
con quanto coraggio, con quanta paura,
con quanto coraggio, con quanta paura.
Rivoluzione, rivoluzione
la voglia di fare e di ricominciare
con tutta la rabbia, con tutto l’amore,
con tutta la rabbia, con tutto l’amore.

Basta, basta
basta con i discorsi di evoluzione e di libertà .
Basta, basta
basta con i miti assurdi di produzione e di civiltà .

Tutte le canzoni di Giorgio Gaber