Testo La Mia Stanza – Roberto Vecchioni

Album: Il Lanciatore Di Coltelli (2002)
Testo della canzone La Mia Stanza di Roberto Vecchioni
La chitarra riempie la tua stanza
come te la riempivano gli amori,
forse a diciott’anni non c’è distanza
tra le cose dentro e quelle fuori,
forse a diciott’anni si canta e basta:
essere sentita o non sentita non ti cambia la vita.
Io non ho l’età 
e ho le palle piene di vedermi questa gente intorno:
managers cazzuti, falchi e iene,
ti farò sapere quando torno
ma ti lascio un sacco di parole
e quel po’ di roba che mi avanza
qui nella mia stanza…

Passerà  tutto questo vivere,
questo andare e venire di treni,
questa lettera da leggere e da scrivere;
passerà  questo vivere nei tuoi occhi
da non poterlo più tenere dentro,
da farti credere che il cuore ti scoppi,
e allora canta, canta, canta, canta,
canta, canta, canta, canta,
canta, canta, canta, amore mio
finché ti batte il cuore.
canta, canta, canta, canta
canta, canta, canta, canta
canta, canta, canta, finché ti basta il cuore.

Tutto questo c’è nella mia stanza,
giuro, non lo so se è poco o molto,
so che non sapevo mai starci senza
e mi vien da ridere se mi volto:
se ti va puoi entrarci,
se no pace!
vedi di giocartela a testa o croce,
ma con la tua voce.

Passerà  tutto questo vivere,
questo fottutissimo tempo stupendo,
questo dolore che ci fa ridere;
passerà  questo vivere nei tuoi occhi
da non poterlo più tenere dentro,
da farti credere che il cuore ti scoppi,
e allora canta, canta, canta, canta,
canta canta, canta, canta, canta
canta canta, amore mio,
finché ti batte il cuore;
canta, canta, canta, canta,
canta, canta, canta, canta,
canta, canta, canta, amore mio,
finché ti basta il cuore.
canta, canta, canta, canta,
canta, canta, canta, canta,
canta, canta, canta, amore mio,
finché ti basta il cuore
e se non basta il cuore,
canta con il mio cuore.

Tutte le canzoni di Roberto Vecchioni