Testo Napule – Gigi D’Alessio

By |

Album: Quanti Amori (2004)
Testo della canzone Napule di Gigi D’Alessio
Chillu jorno nu rré e na riggina
partettene a fore venettene ccà 
Fuie na festa e pe for’e balcone
nu sacco e bandiere pe tutt’a città 
Masaniello purtaie nu babà 
ma a riggina vuleve mangià 
Fuje accussì ca cu ll’acqu’e a farina
nu bellu guaglione e facette ncantà 

Po guardaie da bandiera e culure
pensaie nu numento dicette Maistà 
Mo ce metto ddoie pummerulelle
cu sta muzzarella e na fronna d’està 
Po nu furno vulett’appiccià 
dduie minut’e va faccio assaggià 
Chella pizz’a nventaje pe reggina
perciò margherita l’avetta chiammà 

Napule
t’ho raccontato Napule
Nfaccio e mure de viche
può lleggere a storia e sta bella città 

Gennarino a Pozzuoli cresceva
parlava ca ggente sultanto e Gesù
Ma c’è steve chi nun c’è credeva
e nu juorno e settembre o vuletto affruntà 
Contr’o riavolo niente può ffà 
ma sapeva ca Dio steve llà 
E accussì mparaviso sagliette e o Vesuvio
che mmane sapette fermà 

C’era un principe senza casato
che aveva cambiato la sua identità 
Diventato un attore importante
pe tutta sta gente era il grande Totò
E cuntento morì in povertà 
p’ajutà  tanta gent’a campà 
Chillu principe ricco inp’o core
ma quant’allegria cia saputo purtà 
Napule
……….
……….

Una notte ero in barca a Surriento
in un mare elegante vestito di blu
Sotto un cielo pezzato di stelle
da un vecchio palazzo qualcuno cantò
Una voce cantava per me
non vedevo nessuno perchè
Era il canto del grande Caruso
che il mare l’aveva tenuto per sè

E accussì te mettist’a sunà 
ddoie parole sapiste nuentà 
Sta canzone ca e scritt’a Surriento
dramai tutt’o munno t’ha sapè cantà 
Tutte le canzoni di Gigi D’Alessio