Testo Nu Scugnizziello Napulitane – Gigi D’Alessio

By |

Album: Tutto In Un Concerto (1998)
Testo della canzone Nu Scugnizziello Napulitane di Gigi D’Alessio
M’arricordo ch’ero piccerillo e facevo ‘o scugnezziello dint’e viche ‘e sta
città . Io cu n’ati quatte cumpagniell’ che biscotte ‘nt’a cartella ce
mettevem’a pazzià . Quanta vote chillu pizzaiuol’ tutto spuorc’ ‘e
pummarole ce faceva arritirà , e cu cient’ lire ‘e caramelle for’ a chillu
vascetiell’ stev’a nonna a m’aspettà . Nun pazziav co ‘o pallone me
piacevano ‘e canzoni e chiagnievo si sentev’ a Mario Merola ‘e cantà .
Nun sbagliavo na parola si cantavo ‘O Zappatore e vulevo mille lire pe
me fa sentì ‘a papà . Chi ‘o pensava ca stu criatur’ mo passann’ pe sti
quartier’ chella voce meglio d’ajere dint’e radio sente ‘e cantà . E ‘a
cchiù bella de canzone nun sa po’ scurdà  nisciuno pecchè ‘nzieme a Mario
Merola ‘a cantaie cinc’anne fa. Comme cagna ‘a vita ‘e na persona
tre minute ‘e na canzone che te fanno addiventà . Tutt’a gente che m’ha
fatto male sbatte ‘e mane in prima fila pecchè l’aggia salutà . Ce
vulesse n’omme cchiù cattivo ca tenesse ‘o stesso core tale e quale a chilli
llà , ma pe fa cuntent’a mamma mia che sta ‘ncielo ‘nzieme a Dio saccio
pure perdonà . Nun pazziav co ‘o pallone me piacevano ‘e canzoni e
chiagnievo si sentev’ a Mario Merola ‘e cantà . Nun sbagliavo na parola si
cantavo ‘O Zappatore e vulevo mille lire pe me fa sentì ‘a papà 
Tutte le canzoni di Gigi D’Alessio