Testo Nun Parlà  – Lucio Dalla

Album: Canzoni (1996)
Testo della canzone Nun Parlà  di Lucio Dalla
La luna era piantata lì in mezzo al cielo
una lampadina accesa sopra il mare
che era di un colore inchiostro quasi nero
nel silenzio lo sentivo respirare
non lo so
ma sembrava che il mare volesse parlare con me
fosse più solo di me
Nun parlà , nun parlà , nun parlà , nun parlà 
‘stamme’ccà , ‘stamme’ccà , ‘stamme’ccà , ‘stamme’ccà ,
sotto’ e’ stelle una varca de’ notte s’ addorme nun sape cchè ffà 
stattene’ ccà  ccu’ mme
Mmieze’strada i rumori, le voci, le moto, le luci dei bar
stattene’ ccà  ccu’ mme
Io in quel mare dall’accento un po’ bagnato un po’ napoletano
ho provato a fare il bagno
così la solitudine che avevo accumulato
sparì dietro a un fulmine lontano
Non lo so
ma sentivo la calma del mare che entrava in me
non pensavo che a te e a me
Nun parlà , nun parlà , nun parlà , nun parlà 
‘stamme’ccà , ‘stamme’ccà , ‘stamme’ccà , ‘stamme’ccà ,
sotto’ e’ stelle una varca de’ notte s’ addorme nun sape cchè ffà 
stattene’ ccà  ccu’ mme

Tutte le canzoni di Lucio Dalla